lunedì 27 maggio 2013

Action Figures, che passione!

Etichette: ,

«Seint83, parli sempre della tua frustrazione sessuale, ma come mai non quagli?» 
«Hai presente camera mia? Hai presente la collezione di farfalle, vecchio stilema del broccolatore? Ecco, anche io ho una collezione, una di quelle di cui però ti devi vergognare come un cane se speri di avere dei rapporti con persone che non facciano parte della confraternita nerd!» 
«Ah, stai parlando di...» 
«Esatto: action figures.»

Ebbene sì, signore e signori, il vostro caro autore è da parecchi anni che colleziona quelli che volgarmente vengono definiti pupazzetti, ma che agli occhi dell’esperto hanno il nome di action figures, e sì, signore e signori, sono uno di quelli che non li toglie dalla scatola! (Fischi da parte del pubblico.)

Orbene, cosa spinge un uomo di oramai trent'anni a investire le sue scarse finanze in pezzi di plastica? 
La giustificazione morale che di solito si dà un collezionista è quella di investire in pezzi di valore, che con gli anni aumenteranno di costo diventando un vero e proprio capitale, ma, a differenza di quell’orribile film 40 anni vergine (ringrazio le mie ex-morose che mi hanno impedito di finire nella categoria, ma che in cambio mi hanno aiutato a collezionare psicofarmaci e sedute di terapia comportamentale), un vero collezionista non rinuncia alle sue action figures, né ora né mai.  
Alcuni scelgono un personaggio, come Superman o Batman, e pedissequamente cercano in giro per le fiere del fumetto tutti i pezzi prodotti in suo onore; altri, come me, preferiscono prendere quelle che li ispirano, magari con una predilezione per un personaggio – che ne so, Lanterna Verde – e hanno delle collezioni meno tematiche ma più fantasiose. 

Dato fondamentale per definire il vero collezionista, oltre a essere vera croce quando ci si rapporta con il mondo reale, è il fatto che i tessssori debbano rimanere dentro le loro confezioni. 
"Perché?", chiederanno solitamente i profani. Qua le risposte variano dall’economista che sostiene che “fuori dalla scatola perdono di valore” – non chiedetemi perché, chi lo scoprirà forse prenderà un Nobel, fatto sta che se cercate l’action di Larfleeze su eBay vedrete differenze epocali tra quella protetta e quella loose – all’uomo di fede che solitamente sostiene che «non lo so, è così e basta».

Ora, oltre ad essere un ottimo anticoncezionale, le action figure spingono l’animo del nerd verso un livello superiore. No, non intendo spiritualmente, ma proprio geometricamente. Se nel mondo dei comics possiamo ammirare i nostri beniamini solo in due dimensioni, i pupazzetti ci permettono di aggiungerne una terza; vi posso assicurare che, se di buona fattura, vedere alcuni personaggi nella gloria del 3D,  senza bisogno poi di stupidi occhialetti, è una goduria immensa.

E poi per noi, nati negli anni Ottanta, cresciuti con He-Man e i G.I. Joe, c’è anche un fattore da viale della Memoria: in quel periodo i pupazzetti erano pupazzetti e per noi avevano un valore puramente ludico, tanto che poi diventavano un’eredità da lasciare ai fratelli più piccoli o agli amici di famiglia o ai bambini che non potevano permettersi giocattoli (dannata famiglia di sinistra! Berlusconi, sei arrivato troppo tardi per salvare i miei Masters of the Universe dal comunismo!). Peccato che crescendo ci siamo pentiti di non averli tenuti e quindi buttarsi nel mondo del collezionismo è un modo per rivivere la nostra infanzia, quando ci emozionavamo per il nuovo He-Man, quello con le ginocchia snodabili.
Insomma, saranno una cosa che molti dei nostri amici non nerd non capiranno, saranno una cosa di cui vergognarsi (e se vedete le foto in questo articolo, che sono di camera mia, capirete che non è proprio un ambiente virile e sexy), ma alla fine non posso che ringraziare chi ha avuto l’idea di creare dei semplici pezzi di plastica, che in fondo ci permettono di provare la gioia, anche in età avanzata, di essere un po’ bambini.

Spargi il tuo Amore, condividi l'articolo

Post correlati

1 Response to Action Figures, che passione!

Lord Crios
29 maggio 2013 14:35

Non se preoccuparmi perché sono completamente d'accordo con te, o esserne felice. Senti, ce l'hai Wolverine arma X? Io c'è l'ho loose ma tenuto benissimo.

Posta un commento